Rai alle prese con problemi finanziari


Situazione finanziaria difficile per la Rai, a causa di un mancato versamento da parte del Ministero del Tesoro, ma anche "cause collaterali", come la diminuzione degli introiti pubblicitari e le spese di organico e gestione.
Casse vuote per la tv pubblica. La prima rata del canone per 450 milioni di euro, che il Tesoro versa alla Rai in quattro tranche trimestrali, è arrivata in ritardo.
Dopo trattative col ministero al fine di scoingiurare una fase di stallo preoccupante, Viale Mazzini ha ottenuto di ricevere la rata in tre tranche da 150mln. Il che permetterà di pagare gli stipendi (55-60mln al mese, oneri sociali e accantonamenti per liquidazioni esclusi), ma farà ancora attendere un nutrito numero di fornitori.
Nel 2005 l’azienda disponeva di 102mln liquidi in banca e non aveva debiti, oggi la posizione finanziaria netta è negativa per ben 150mln.